Allarme Ebola

Ebola virus em

Era troppo tempo che non aggiornavo il Blog, ma l’incalzare delle notizie su Ebola, l’allarme sanitario internazionale dell’OMS, mi hanno fatto venire un po’ di prurito alle dita.

Fino ad alcuni anni fa, l’estate era il periodo degli allami sanitari, poi Olimiadi, maggiore offerta sportiva via Sky, Twitter, politica e scandali, hanno dato abbastanza cibo ai media ed alla pubblicità che li sostiene.

Ora, chissà perché, salta fuori Ebola.

Cos’è Ebola: si tratta di un virus che determina una febbre emorragica, letale nel 50-60% dei casi, che colpisce soprattutto scimmie, ed altri animali presenti in territorio Africano, molto raramente l’uomo. Il contagio è tramite sangue o fluidi e la virulenza (la capacità di dare malattia) piuttosto modesta. Non vi è trasmissione per via aerea, tranne per un ceppo, che però non ha mai contagiato l’uomo.

In pratica dove esiste un servizio sanitario moderno ed efficiente l’infezione è pressoché impossibile; le epidemie che si sono verificate erano sempre comparse in villaggi dove non esiste alcun controllo sanitario, ed anche in questi casi, non si sono mai estese al di fuori del nucleo di origine.

Nel prossimo anno, nel mondo occidentale, moriranno varie centinaia di migliaia di persone per patologie che abbiamo ogni giorno davanti agli occhi, e forse 1-2 per Ebola, ma è una previsione pessimistica. Eppure Ebola è emergenza sanitaria internazionale. Sarebbe più opportuno dichiarare emergenza l’uso di pneumatici consumati, o la cattiva manutenzione dei freni, genereranno sicuramente più decessi.

Ora aspettiamo con trepidazione quale casa farmaceutica proporrà una costosa profilassi o terapia.

© Massimo Angelotti 2012